•  Chi siamo
 •  Il Coordinamento delle Associazioni regionali di stampa per un sindacato di servizio
 •  Il consiglio direttivo
 •  Le sedi
 •  Assemblee
 •  Circolari
 •  Comunicati
 •  Free lance e collaboratori, l'avv. Del Vecchio risponde alle domande più frequenti
 •  I gruppi
 •  I rapporti internazionali
 •  I soci
 •  Il Decennale
 •  Newsletter
 •  XXV CONGRESSO FNSI
 •  LETTERA CUTRO DOPO LE ELEZIONI INPGI
 Cerca nel sito  
           
  ASSOCIAZIONE     ATTIVITA'     AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE     FORMEDIA     PROFESSIONE     BIBLIOTECA  
         
Home Associazione Newsletter n. 19/19 del 10/05/2019 - RADIO RADICALE, APPELLO DI COSTITUZIONALISTI E STUDIOSI DI DIRITTO: «È INSOSTITUIBILE»

- RADIO RADICALE, APPELLO DI COSTITUZIONALISTI E STUDIOSI DI DIRITTO: «È INSOSTITUIBILE»

«Radio Radicale svolge un ruolo pubblico, straordinario, insostituibile. È un esempio di informazione al servizio della conoscenza pubblica. Spegnere Radio Radicale significa impoverire la società e la cultura italiana, significa ferire la sua democrazia». Lo sostengono più di 180 tra costituzionalisti, filosofi, sociologi, storici del diritto e docenti italiani, tra cui Enzo Cheli, Gaetano Silvestri, Luigi Gerrajoli, in un appello rivolto al Governo in sostegno della Radio. «Lungo gli ultimi quarant'anni – scrivono nell'appello – Radio Radicale ci ha assicurato un'informazione puntuale, approfondita, pluralista. Chiunque abbia a cuore la democrazia, lo stato di diritto, le libertà fondamentali ha anche a cuore Radio Radicale e il suo straordinario archivio».
«L'informazione – prosegue l'appello – è un diritto che non può essere degradato a mero prodotto di mercato. I valori costituzionali non possono e non devono mai essere tradotti in denaro. È dovere pubblico, e dunque anche nostro dovere, sostenere un'informazione al servizio dei cittadini e della loro libera formazione di pensiero». Inoltre, sostengono i firmatari «Radio Radicale è presente nelle aule parlamentari, nelle aule dei tribunali, nelle carceri. Grazie a Radio Radicale siamo tutti più informati sullo stato della democrazia e dei diritti umani in Italia, in Europa e nel mondo. La comunità degli studiosi del diritto ha sempre avuto i microfoni di Radio Radicale a disposizione per portare la cultura giuridica al di fuori dell'accademia», anche per questo sostengono i firmatari non si può spegnere questa voce. www.fnsi.it




Associazione della Stampa di Basilicata • Via Mazzini, 23/E • 85100 Potenza • Tel/Fax +39 0971/411439 • e-mail: [email protected]
Powered by Memex.net